Il tempo del cibo

sabato 6 maggio, ore 17.30 - Teatro Scientifico Bibiena

Clima e agricoltura, una reciproca influenza

L’agricoltura è da sempre vittima del clima. In quanto attività all’aperto, subisce gelate, siccità, eventi estremi, che in passato hanno portato a vere e proprie carestie. A partire dalla seconda metà del Novecento però l’agricoltura si meccanizza, comincia a usare ingenti quantità di combustibili fossili e diventa essa stessa causa di cambiamento climatico. Oggi le coltivazioni, insieme all’allevamento, contribuiscono per circa il 20% alle emissioni globali di CO2 e di metano. Bisogna prepararsi agli scenari climatici del futuro, che prevedono un aumento di temperatura su tutto il pianeta, più o meno importante a seconda dei provvedimenti che prenderemo oggi. La ricetta è contenere il cambiamento climatico attraverso una generale riduzione dell’energia spesa per ogni unità di cibo prodotto. Bisogna poi rivedere tutte le pratiche che comportano l’uso di combustibili fossili. Servono infine tecniche per un migliore utilizzo dell’acqua, in previsione dell’aumento di temperatura, e scelte varietali più oculate e adatte ai diversi climi.
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Omeganet - Internet Partner